Tutti matti per il pesce

E’ bastato un piccolo sondaggio su Facebook a scatenare un inferno di gusti. In pochissimo migliaia  di preferenze, decine e decine di blog segnalati e centinaia di commenti: bella soddisfazione. Seguirli tutti è veramente impossibile, ma ognuno di loro potrebbe entrare a fare parte della famiglia di Ricette 2.0 e mettere a disposizione tutte le proprie ricette, per la ricerca più gustosa del web italiano.

Vi presentiamo i tre food blog più votati, presentandoveli con una risposta ad una domanda che abbiamo voluto porre loro: Qual’è secondo te il ruolo del food blogger nel moderno web e quali saranno gli spazzi futuri per gli amanti della “cucina digitale”.

Il primo classificato è un blog che ha le idee decisamente precise: Idea Pesce.

Noi pensiamo che il cibo come prodotto sia profondamente legato ai blog e al modello partecipativo connesso ai social media. Al giorno d’oggi sono sempre più le persone che cercano ricette ed articoli on line provando a cimentarsi con nuove pietanze e nuovi sapori.

In questo contesto il food blogger è un interlocutore privilegiato che si discosta dalla rigidità dei siti aziendali per promuovere in primis l’interazione con l’utente e l’esperienza del prodotto. La praticità connessa al cibo (al pesce nel nostro caso) mette in gioco sia il blogger che il lettore permettendo un grande dialogo tra le due realtà sempre più vicine in termini di produzione contenuti.

In futuro? Probabilmente avremo sempre più foodblog data la recente diffusione di programmi di cucina anche nella televisione generalista. La sfida è alla nostra portata, sta a noi creare contenuti interessanti, utili e piacevoli alla lettura, promuovendo la nostra azienda di riferimento con le orecchie ben attente ai consigli degli utenti”.

Arriva dunque il turno de La Fattoria di Nonna Paperina.

Quando abbiamo cominciato a conoscere la telematica, è iniziata la rivoluzione nella diffusione delle informazioni. La telematica, infatti, consente a un computer di accedere a banche dati esterne e ai sistemi di elaborazione situati in posti anche molto lontani, basta essere connessi alla rete di comunicazione.

Il simbolo di questa possibilità di scambio dati su scala globale è rappresentato da Internet. Nata per scopi bellici negli Stati Uniti, è stata ben presto utilizzata dagli ambienti di ricerca universitari per scambiarsi informazioni e saperi di ogni genere da un capo all’altro del mondo fino ad arrivare in tutte le case e adagia adagio diventare uno strumento insostituibile della nostra vita quotidiana.

Oramai tutti navigano su internet sempre più velocemente, e sempre più velocemente vogliono capire di che cosa parla la pagina web sulla quale sono atterrati. Aggiungi il fatto che il web è pieno di blog, e saranno sempre di più con il passare del tempo. Quindi, secondo me, le immagini devono avere un compito ben preciso nel blogging attuale. Devono attirare l’attenzione delle persone che arrivano sul tuo blog, dato che le immagini sono la prima cosa che salta all’occhio dei visitatori. I visitatori devono capire in maniera chiara e veloce di che cosa si sta parlando nel blog. Non solo i blog sono ben lontani dallo scomparire, ma addirittura il loro futuro si prospetta dei più rosei.

Infine da quella fucina di food blog che è Giallo Zafferano giunge Pasta, amore e fantasia.

Oggi il ruolo del foodblogger è quello di proporre nel mondo infinito del web il proprio mondo, la propria realtà fatta di passione per la cucina, per il buon cibo e per la condivisione di quello che si prepara con tanto impegno e dedizione.

Ho voluto condividere la mia passione per la cucina in un momento particolare della mia vita, ero a dieta ferrea seguito da una nutrizionista, e forse la mancanza del cibo, delle cose buone mi ha portato ad aprire un blog di cucina, che voleva avere l’intento di essere un ricettario online, fatto di ricette semplici e della tradizione.

Sono passati quasi 5 anni e la mia passione per la cucina è in crescendo, nel frattempo i blog di cucina si sono moltiplicati, ma ognuno comunque ama condividere la propria realtà, realtà più varie e tutte allo stesso modo interessanti.

Per quanto concerne gli spazi futuri per noi amanti della cucina digitale penso che possano essere messi a disposizione, oltre dai vari provider che mettono a disposizione spazi per i blog personali, anche da Facebook con le sue molteplici possibilità tra gruppi e pagine.

Personalmente ho sia un gruppo che una pagina su Facebook e la cosa penso che prenderà sempre più piede. Ma oltre Facebook penso che comunque tutti i social network, Twitter e Google + compresi, avranno molto da dedicare ai food blogger e alla loro grande passione per la cucina.

Un ringraziamento a questi tre food blog, a tutti coloro che sono stati citati e soprattutto a voi navigatori che avete aderito a questo piccolo esperimento sociale. Che dire: buon appetito!