Elisa di “Stasera si cena da noi”

Blog di cucina: come ti è nata questa idea?

La mia prima vera esperienza in cucina risale al 2003, anno del mio Erasmus in Germania, i miei compagni di università di aspettavano grandi cose dalla cuoca italiana e quindi per non deluderli ho cucinato per la prima volta la pizza, ed era buona! Quella è stata la prima volta di una lunga serie di cene e festicciole in cui mi divertivo a preparare manicaretti della tradizione italiana ai miei ospiti internazionali.
Così è nata la mia passione per la cucina e per la collezione di ricette rigorosamente trascritte in un quadernetto.
Il piacere di cucinare per gli altri non si è arrestato quando sono andata a vivere da sola dopo l’università e proprio dall’abitudine di preparare cenette per gli amici ho preso spunto per il titolo del mio blog “Stasera si cena da noi”.
Unendo la passione per la fotografia e la voglia di far conoscere le mie esperienze culinarie a conoscenti e non, ho deciso di iniziare l’avventura del blog. Inizialmente postavo in modo discontinuo, poi, poco alla volta, il mio piccolo foodblog è diventato una parte importante della mia vita!

Quali i requisiti per essere un buon sito di ricette?

Il mio sito di ricette ideale devo avere un’ampia gamma di ricette nuove, consigli utili sui piatti della tradizione, dovrebbe contenere almeno una sezione sulle intolleranze alimentari (io sono allergica a latticini e uova…non è facile preprarare dei buoni dolci!), soprattutto deve comunicare la passione per la cucina ed essere molto personale.
Il primo foodblog che ho consultato è stato quello di Claudia Castaldi e il Cavoletto di Bruxelles e per il momento rimangono ancora i punti di riferimento.

Prova del cuoco: ci inviti tutti a cena

La mia cena preferita è sicuramente a base di bourguignonne! Amavo quando mia madre la preparava e mi piace proporla con gli amici perchè è molto conviviale, in più ci si può sbizzarrire con mille salsine di accompagnamento!

Invece non amo molto preparare le zuppe, non mi piacciono particolarmente e quindi non metto passione nella loro preparazione. Non vorrei mai che mi chiedessero un bel piatto di zuppa o minestrone.

Facebook, Twitter, Google Plus: il tuo rapporto con i social network?

Negli ultimi mesi ho iniziato a seguire alcuni gruppi su Facebook, soprattutto quelli che riguardano la fotografia del cibo per prendere spunto. Non sono un’assidua frequentatrice, mi piace più cucinare che scrivere sui social network. Collaboro anche con una rivista online, Open Kitchen.

Ingrediente segreto: piccolo consiglio ai lettori

Il mio piccolo segreto in cucina è la curiosità. Mi piace sperimentare, lasciarmi trascinare dalle sensazioni e provare piatti sempre diversi e mille varianti. I fallimenti non mi spaventano!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *