Silvia di “La Cucina di Nonna Papera”

Blog di cucina: come ti è nata questa idea?

Innanzitutto ciao! La decisione di entrare nel mondo del web… bella domanda… soprattutto per sfida perché volevo vedere se ero in grado di mantenere l’impegno di un blog; poi sicuramente per condividere..non tanto la mia vita, anche se di aneddoti ogni tanto ne racconto anche io, perché credo che di diari on line sia pieno il web, quanto le mie ricette del cuore, i consigli per chi magari non è ferratissimo in materia e cerca on line un aiuto concreto. Successivamente è diventato un luogo dove confrontarmi con tutto l’universo foodies.

Quali i requisiti per essere un buon sito di ricette?

Il mio sito ideale? Aneddoti sicuramente ma non troppi, perchè trovo che articoli troppo lunghi possano annoiare. Ricette interessanti sono fondamentali perchè sono quelle che attirano e poi le foto che devono esprimere l’anima del cuoco.

Prova del cuoco: ci inviti tutti a cena

Cucino di tutto ma sono piemontese e, come ogni buon piemontese ho una passione per gli antipasti. La mia cena ideale ne ha tanti, tutti diversi e rigorosamente di stagione. Quando faccio la spesa per me è fondamentale comprare materie prime stagionali, magari con filiera corta, anche se non sempre è possibile.
Tendenzialmente accontento le richieste dei commensali ma vi prego, non chiedetemi patatine o cibi congelati o precotti!

Facebook, Twitter, Google Plus: il tuo rapporto con i social network?

Sinceramente li trovo un ottimo canale di cominicazione perchè consentono di “pubblicizzare” il blog, di condividerlo con un numero maggiore di persone e, in alcuni casi, di trovare degli amici e dei complici per le nostre follie culinarie!
In poche parole W Facebook, Twitter, Google+ e chi più ne ha più ne metta!! 🙂

Ingrediente segreto: piccolo consiglio ai lettori

Non sono molto brava a dare consigli ma ci provo lo stesso. La cosa fondamentale, tanto in cucina quanto nella vita è la spontaneità. Certo, le ricette ci sono e vanno seguite ma spesso il nostro cuore ci indica la giusta misura entro cui essere totalmente ligi al dovere. In poche parole, osate! In cucina solitamente il risultato è almeno passabile e nella vita, beh…meglio un rimorso che un rimpianto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *