Valerio di “Passionefocaccia”

Blog di cucina: come ti è nata questa idea?

La mia decisione di entrare nel mondo del web è iniziata in quanto anni fa ho lavorato in una pasticceria, in un forno ed avevo la passione per la cucina sin da bambino.
La mia vita ha scelto per me un’altro lavoro, ma visto che mi è rimasta la passione e qualche insegnamento, ho deciso di iniziare a fare ricette in casa e, quando ho visto che riscuotevano successo anche da parte dei miei figli, ho deciso di condividerle con tutti nel mondo del web.

Quali i requisiti per essere un buon sito di ricette?

Il mio sito di ricette ideale, deve avere spiegazioni semplici e chiare, e soprattutto deve avere all’interno ricette fattibili e alla portata di tutti, anche perchè al giorno d’oggi vivendo in un mondo frenetico, molti di noi non hanno tempo di stare ore ed ore in cucina, ma non per questo bisogna rinunciare alle proprie passioni, e perchè no, a fare belle figure con gli altri, perchè semplice non significa non professionale.
Uno dei miei modelli di sito durante il mio cammino, è stato vivalafocaccia.com, in quanto semplice e ben fatto.

Prova del cuoco: ci inviti tutti a cena

La mia cena preferita potrebbe iniziare con un antipasto di “fagottini di pasta sfoglia con salsiccia e stracchino”, come primo “pasta alla norma”, come secondo “pollo al vino bianco con battuto di aglio e prezzemolo” ed infine, come dolce “tiramisù”.
I piatti che non vorrei mai sono “crostacei”

Facebook, Twitter, Google Plus: il tuo rapporto con i social network?

Diciamo che li utilizzo tutti in quanto mi trovo molto bene e li ritengo molto utili al giorno d’oggi a livello di comunicazione con il “mondo”.

Ingrediente segreto: piccolo consiglio ai lettori (tema libero)

Io credo che l’unico ingrediente segreto sia essere molto dettagliati nello spiegare ciò che si fa, come chi legge o guarda una ricetta, non sappia niente di cucina e vuole intraprendere questa strada.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *