Andrea Libertella di “Foto in Pentola”

Blog di cucina: come ti è nata questa idea?

Il blog è nato per caso, grazie a mia Zia L che ogni tanto mi chiede delle ricette. Non avevo mai pensato ad un blog di cucina, troppo impegnato a stare tra i fornelli (sono chef di mestiere). Solo che ho pensato perché non condividere la mia esperienza con altre persone? Un blog sarebbe sicuramente stato un modo per conoscere sapori nuovi, e così è. Senza pensarci due volte, ho aperto il blog insieme a Melissa. Abbiamo unito le nostre conoscenze e passioni: io cucina, lei fotografia. Questo blog ci dà tante soddisfazioni, al punto che dopo un (neanche)un anno ci hanno chiesto di pubblicare un ricettario!

Quali i requisiti per essere un buon sito di ricette?

Essendomi catapultato in questo mondo da poco, non saprei rispondere. Sarebbe come chiedere: un ristorante cosa deve avere e cosa non deve avere? Non c’è una risposta precisa, tutto dipende da tutto. Sicuramente non deve mancare la buona volontà.

Prova del cuoco: ci inviti tutti a cena

Io cucino tutto, ma sono molto attaccato alle tradizioni: niente prodotti chimici, niente spume (chimiche), niente cibo molecolare. Poco mi importa se ora vanno di moda le cose strane e, soprattutto, se un piatto contiene neanche dieci grammi di pasta (la moda ci farà morire di fame, di questo passo). E poi, essendo bergamasco doc, dovete essere pronti per un bel piattone di casoncelli. Se vi offro la polenta, scappate? E poi con questo freddo ci starebbe proprio bene!

Facebook, Twitter, Google Plus: il tuo rapporto con i social network?

I social network sono una grande invenzione, soprattutto per me, che mi ritrovo a più di seicento chilometri di distanza da casa. Posso stare in contatto con i miei parenti e, soprattutto ora che ho il blog, posso confrontarmi con altri colleghi blogger e chef. Sicuramente comunicare è diventato relativamente più facile.

Ingrediente segreto: piccolo consiglio ai lettori

Non ci sono ingredienti segreti, la cucina è prima di tutto fantasia. Da cuoco vi posso dire: sperimentate più che potete! Questo è il segreto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *